Home Speciali Recensioni Speciali Takeshi Obata: Conferenza stampa a Lucca Comics 2012
Takeshi Obata: Conferenza stampa a Lucca Comics 2012 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea "Ryo" Consonni   
Venerdì 02 Novembre 2012 16:36

Takeshi obata lucca comics 2012

La conferenza stampa a Lucca Comics 2012 dell'autore di Hikaru no Go, Death Note e Bakuman: Takeshi Obata

 

Venerdi 2 Novembre 2012

Press Cafè – Lucca Comics

 

Takeshi Obata, autore dei disegni di Hikaru no Go, Death Note e Bakuman, incontra la stampa italiana per una chiacchierata.

 

La conferenza è stata preceduta da un breve intervento dell'esperto di animazione giapponese Marco Pellitteri, che ha ribadito come le opere del maestro Obata, e in particolare Death Note, siano molto note a livello internazionale e addirittura, sempre nel caso di Death Note, siano oggetto di studio, con tesine dedicate.

 

Ecco le domande a cui il sensei ha risposto:

D: Cosa ne pensa dell'edizione italiana delle sue opere ? (domanda posta da Animangaplus)

T.O. : Mentre disegnavo i miei manga, non avrei mai pensato che un giorno avrebbero potuto essere pubblicati all'estero. Quando mi hanno detto che in Italia erano stati venduti i diritti delle mie opere sono stato molto contento. E sono contento di essere qui con voi oggi. Grazie mille.


D: In Hikaru no Go i personaggi hanno nomi i cui significati rimandano in qualche modo alla luce. In Death Note il protagonista si chiama Light (luce). Esiste una sorta di continuità in questo?
T.O.: Dal momento che sono frutto della fantasia di due sceneggiatori diversi, direi che si tratta di una coincidenza.

 

D: Lei ha lavorato con sceneggiatori diversi nelle sue opere. Come si riflette la loro sceneggiatura sulle sue tavole?

T.O.: E' stato difficile. Non tanto per la differenza delle sceneggiature, ma per la diversa ambientazione delle opere. Hikaru no Go è ambientato nella realtà, mentre Death Note è più fantasy, quindi hanno richiesto approcci diversi. Per le ambientazioni di Death Note mi sono ispirato a un mio viaggio a Roma.

 

D: Com'è nato il duo Obata-Ohba? L'intesa è stata immediata o ha richiesto tempo?

T.O.: L'intesa è stata immediata, dal momento che sono stato catturato subito dalla sceneggiatura scritta da Ohba.

 

D: Qual'è stato il personaggio più difficile da realizzare in Death Note e Bakuman?

T.O.: La sceneggiatura di Ohba era talmente dettagliata, che è stato facile immaginare i personaggi. Se dovessi dirne uno, mi hanno impegnato di più la sagoma di Ryuk in Death Note e il personaggio di Saiko in Bakuman.


D: Cosa ne pensa del possibile adattamento cinematografico di Death Note a Hollywood? Vorrebbe che l'ambientazione rimanesse quella giapponese o andrebbe bene anche trasporato in U.S.A.? Che attori e che regista vorrebbe?
T.O.: Mi piacerebbe molto un adattamento cinematografico ad Hollywood. Al momento però non c'è nulla di sicuro. Mi piacerebbe che rimanesse ambientato in Giappone. Non ho preferenze sugli attori. Certo che se scegliessero Johnny Depp...

D: Quali sono stati i personaggi più facili e difficili da disegnare dei suoi manga?
T.O.: Mi sono divertito molto a disegnare Ryuk di Death Note. I personaggi più difficili sono le donne, in particolare Misa Amane. In generale mi risulta più difficile disegnare le donne perchè non le capisco.

 

D: Bakuman parla della vita di un mangaka. Quanto c'è della sua vita quotidiana nei personaggi di Bakuman?
T.O.: E' quasi sempre quello che vivo anche io. Mentre disegnavo soffrivo come i personaggi!

 

D: Nella sua prima opera, Cyborg Ji-Chan, si è cimentato come disegnatore e sceneggiatore. Nelle opere successive si è concentrato solo sul disegno. Perchè questo cambiamento? E' possibile che torni a scrivere anche una sceneggiatura?
T.O.: Preferisco disegnare. Non sono bravo a inventare le storie. Preferisco concentrarmi sul disegno per perfezionarlo al massimo. Al momento non ho intenzione di tornare a scrivere. Forse un domani, se trovassi una buona idea per una storia...

 

D: Come mai la scelta di impostare Light come un antieroe?
T.O.: Light è stato creato da Ohba. Appena ho letto la sua sceneggiatura, mi sono meravigliato dell'idea perchè era diverso dal solito protagonista contro antagonista. Mi sono divertito molto a disegnarlo.

 

D: Quanto è importante Hikaru no Go nella sua crescita artistica e professionale?
T.O.: Mi ha dato l'occasione di andare avanti e cambiare. Grazie al lavoro di Otta (lo sceneggiatore), ho avuto modo di approfondire i disegni ed essere un autore migliore.

 

Il sensei Obata saluta e si avvia verso lo stand Panini per firmare gli autografi.

 

 

 
FacebookTwitter
Copyright © 2017 animangaplus.it. Tutti i diritti riservati.
Mandaci una mail a: info@animangaplus.it.

Animangaplus.itutilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information