Home News Ultime Yamato Video suggerisce due interessanti letture a tema anime e manga per le vacanze di Natale.
Yamato Video suggerisce due interessanti letture a tema anime e manga per le vacanze di Natale. PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea "Ryo" Consonni   
Giovedì 20 Dicembre 2012 18:42

Un libro dedicato ad Hayao Miyazaki, alcuni dedicati agli anime degli anni '70. Questi sono i suggerimenti per la lettura delle vacanze di Natale 2012 di Yamato Video. Ma solo per chi conosce lo spagnolo e il giapponese...

Letture: Il mondo invisibile di Hayao Miyazaki

 

Laura Montero Plata
El Mundo invisible de Hayao Miyazaki
Dolmen Books, pp. 272 a colori, euro 24,00
 
Cos’è? Un nuovo volume dedicato al maestro del cinema animato giapponese, Hayao Miyazaki, ma questa volta pubblicato in Spagna. L’autrice Laura Montero Plata è critica cinematografica ed esperta di cinema di animazione. Il suo libro è un viaggio molto colto, premuroso e piuttosto ben argomentato nell’opera omnia di un artista che oramai solletica l’interesse di studiosi, universitari e critici. In pratica tutti coloro che neanche dieci anni fa se ne disinteressavano. Cosa riescono a fare due-tre premi (Orso d’Oro a Berlino e Premio Oscar nel 2003, Leone d’Oro) e una distribuzione nelle sale o in home Video più scrupolosa! Polemica a parte, El Mundo Invisible de Hayao Miyazaki della Montero Plata è un saggio che racconta il cinema e le serie televisive realizzate dal famoso regista.
 
Perché leggerlo? Per la dovizia di spunti critici che non toccano soltanto il cinema animato ma anche l’arte e la storia dell’illustrazione. Il saggio è attento alle continue fluttuazioni, avanti e indietro, della filmografia di Miyazaki e per tale ragione risulta ancora più gradevole e affascinante la lettura. Il viaggio nel mondo di questo artista rivela soprattutto la passione dell’autrice per il suo cinema.
 
Pregi & difetti. A parte l’ostacolo linguistico (non così invalidante, suvvia) e la difficile reperibilità in questo momento, come ci fa sapere la casa editrice, orgogliosa del tutto esaurito in pochi mesi (ma su Amazon lo trovate senza problemi), la piacevolezza di questo libro è legata alla sua presentazione. Un piccolo libro illustrato con numerose foto e immagini a colori che rimandano all’intero universo creativo miyazakiano. Perfettamente integrate con il testo. Chissà cosa ne penserà la signora Mikiko Takeda dello Studio Ghibli: una che, quando domandi cortesemente il press kit dei loro film, è capace di negarne l’esistenza. A meno di non essere amici di John Lasseter o parlare francese.
 
Cos’altro? La Francia in pole position con alcuni saggi piuttosto interessanti: di qualche anno fa è Hayao Miyazaki. Cartographie d’un univers (Les Moutons Electriques, pp. 357) della coppia Raphaël Colson e Gaël Régner, mentre la casa editrice l’Harmattan ha pubblicato il nuovo saggio di Stéphane La Roux (già autore di un volume su Takahata) dal titolo Hayao Miyazaki, cinéaste en animation. Poesie de l’insolite (pp. 196). Saggi monografici su La città incantata in lingua inglese sono invece: Spirited Away. Pocket Movie Guide di Jeremy M. Robinson (Crescent Moon Publishing, pp. 208) e Spirited Away di Andrew Osmond (BFI Press, pp. 100).
 
Mario A. Rumor
 

Letture: Rivivere gli anni 70 in alcuni libri

 

Regola numero uno: dovete conoscere il giapponese. Altrimenti niente. Regola numero due: anche se non sapete come è fatto un kanji e quindi non conoscete una parola di giapponese, occorre essere sfegatati seguaci degli anime realizzati nel periodo (secondo noi) più esuberante, cioè gli anni 70. Regola numero tre: nutrite ben bene il portafoglio, ne avrete bisogno. Perché i volumi di cui stiamo per parlare sono rispettivamente 1) pieni di ideogrammi giapponesi; 2) raccontano gli anni 70 per fan sfegatati e 3) vi costeranno un po’ di soldi.
La casa editrice Yosensha, per esempio, ha un agguerrito catalogo di libri. E tra i tanti, quelli dedicati agli anime presenziano in una collana dal titolo “Otona Anime Collection” che già si è aggiudicata gli anni 80 con devozione ai super robot del periodo. Bello davvero.
 
Quello che invece interessa queste righe è il libro Otona Anime Collection – Ima dakara Katakeru 70 Nendai Anime Hiwa(pp. 208, yen 1500) e la sua bellissima copertina col Tigre. L’Uomo Tigre, intendiamo. In rete qualche recensore un po’ distratto vi dirà che il volume è provvisto di pochissime immagini. Se intendeva immagini a colori, non ne troverete nessuna; se intendeva riferirsi a quelle firmate Michi Himeno come le più belle, oltre che distratto il recensore non ha ben capito che volume ha tenuto in mano. Ima dakara Katakeru 70 Nendai Anime infatti è una superba raccolta di interviste ad alcuni dei principali eroi del disegno di quel periodo. Citiamo: Noda Takuo, Akihiro Kanayama, Masami Suda, Tsuneo Ninomiya, Michi Himeno e Yasuo Otsuka. Sono i protagonisti di questo libro. E con loro rivivono personaggi indimenticabili (i Gatchaman, l’Uomo Tigre), gli studio che hanno prodotto serie Tv come DaimosVultus VGetter Robot. Nel ricordo riprendono colore le sensazioni e i modi di lavorare di allora, e che oggi la digitalizzazione ha reso antiquati. Ma non per questo meno fondamentali. Nostalgia a parte, l’occhio ha la sua parte con immagini tratte dagli anime analizzati, fotogrammi dagli opening con in più una serie di illustrazioni realizzate per l’occasione (e datate maggio 2012). Omaggi firmati Yasuomi Umezu (pilastro della Tatsunoko), Hideyuki Motohashi e diversi altri.
 
Per i primi cinquant’anni di Tatsunoko, forse già conoscerete l’art book Tatsunoko Past and Future/Tatsunoko 50th Anniversary (Kadokawa Shoten, pp. 167, 6000 yen), progetto editoriale che fa seguito alla mostra espositiva della scorsa estate (Tatsunoko Pro. Exhibition). Il volume viene venduto assieme a una serie di dvd con le opere più celebri dello studio. Ricchissimo di immagini, concept art e fotogrammi, punto di forza sono anche le interviste presenti. Da affiancare ovviamente a un altro bel libro, Ippei Kuri Memorial Art Book (pp. 300, 2800 yen), che racchiude testimonianze di prima mano dell’artista e co-fondatore dello studio Tatsunoko e un soddisfacente numero di illustrazioni a colori e in bianco e nero. Kuri non soltanto era bravissimo a disegnare personaggi buffi e divertenti, ma il suo tocco realistico è praticamente unico nel panorama giapponese di fumetti e anime.
 
Da un maestro all’altro. Shingo Araki non serve che vi diciamo chi è stato e cosa ha combinato nel mondo degli anime. Poco dopo la morte, è uscito un magnifico volume dal titolo Shingo Araki: 1939 – 2011 Hitomi & Tamashii Memorial Artbook (pp. 380, 6900 yen), considerato tuttora il libro illustrato più bello in circolazione. Fate un po’ voi il conto: quasi 400 pagine di illustrazioni per sintetizzare, ma è impresa impossibile, tutto il lavoro dell’artista. Il quale non è stato solo animatore e sakkan apprezzato ma anche disegnatore di fumetti (anche se non gli è andata come sperava). Volume costosetto, ma ne vale la pena.
 
Mario A. Rumor

 

 

 

Fonte: Yamato Video 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

FacebookTwitter
Copyright © 2017 animangaplus.it. Tutti i diritti riservati.
Mandaci una mail a: info@animangaplus.it.

Animangaplus.itutilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information