Home Speciali Recensioni Speciali Lucca Comics 2015: Conferenza Stampa di Yasuhiro Nightow
Lucca Comics 2015: Conferenza Stampa di Yasuhiro Nightow PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea "Ryo" Consonni   
Sabato 31 Ottobre 2015 13:54

 

bloodblockade battlefront 1

L'autore di Trigun e Blood Blockade Battlefront incontra la stampa a Lucca Comics 2015.

Scheda Tecnica

Data 31.10.2015

Luogo Lucca Comics

Conferenza Stampa di Yasuhiro Nightow

Come sempre l'incontro è aperto da una presentazione di Marco Pellitteri, che ci ricorda che il sensei Nightow appartiene a quello che viene definito il “Second Impact” del mondo dell'animazione e del manga.

 

Trigun è un manga con ambientazione western. Lei è un fan di quelli che in America vengono chiamati spaghetti western, mentre in Giappone sono noti come “Makaroni Western” ?

 

Non mi definisco un fan o un appassionato del western. Ho dato mano libera al regista, che invece è appassionato. Dal canto mio sto pensando di acquistare un pupazzo di Clint Eastwood in Giappone.

 

Lei ha fatto il character design di alcuni videogiochi, tra cui Gungrave. Pensa che ne farà mai un manga?

Ora sto pubblicando Blood Blockade Battlefront e sono molto impegnato nella sua realizzazione. Al momento non ho intenzione di fare il manga di Gungrave.

 

Torniamo a Trigun. Nelle storie con ambientazione western, di solito l'eroe un tipo rude e duro. Vash The Stampeade invece è gentile e buono ad ogni costo. Come mai questa idea?

Proprio in questo sta lo spunto originale di Trigun. Ho voluto creare un personaggio di questo tipo per rendere più interessante la storia.

 

E qual'è invece l'idea alla base I Blood Blockade Battlefront?

 

Durante la realizzazione di Trigun mi sono posto domande sulla vita e la morte. Ero stanco e appensantito. Mi hanno chiesto di fare una nuova serie e ho deciso di fare qualcosa di più leggero che potesse divertirmi mentre lo disegnavo. Da questa necessità è nato Blood Blockade Battlefront.

 

Esiste la storia Trigun – The Lost Plant, un episodio di 32 pagine autoconclusivo disegnato da Boichi (che l'anno scorso era ospite a Lucca Comics sempre con J-Pop), che inoltre ha pubblicato anche una storia su un volume di Sun Ken Rock. Pensa di fare qualche nuovo crossover con Blood Blockade Battlefront?

 

Ni”. Sicuramente non farne una serie, Sono due storie completamente diverse. Magari un omaggio di qualche pagina in futuro potrebbe esserci.

 

Con Blood Blockade Battlefront ha iniziando ad esplorare le storie della città, per poi spostarsi su quelle dei personaggi. Ha intenzione di continuare su questa strada o pensa di ritornare a concentrarsi anche sulla città?

 

Di base rimarrà sempre la stessa città. Intenzionalmente non voglio allargare il luogo in cui è ambientata la storia perché finirebbe con diminuire la densità della stessa. Sono stato ispirato da un romanzo di Kikuchi, che era ambientato un piccolo quartiere di Tokyo, ma in realtà questo quartiere riproduceva l'intera Tokyo, come se fosse un giardino in miniatura. La mia idea è nata da li.

 

Qual'è il manga che l'ha colpita di più come lettore?

 

Alla mia età è difficile rispondere, poiché ho letto veramente tantissimo.

Mi piacciono quelli che piacciono sicuramente anche a voi, come Matsumoto, Takahashi, Otomo. Anche ora leggo ancora tanto e sto prendendo spunti anche da autori più recenti.

 

I fan dei manga conoscono spesso epidosi della vita dei fumettisti, come ad esempio si sa che Tezuka fuggiva spesso dal suo editor. Che rapporto ha lei col suo editor (presente in sala)?

 

Se possibile vorrei scappare sempre, ma solo con la fantasia. A ridosso dell'ultima consegna guardavo spesso il sito delle Maldive...Io invece ho scelto di lamentarmi piuttosto che fuggire. Preferisco chiedere in lacrime (scherzosamente) mezza giornata in più.

 

Risponde l'editor diNIghtow:

 

Il mio posto è il peggiore, perché sono in mezzo tra l'editore, il tipografo e l'autore e devo chiedere rinvii cercando di incastrare le scadenze di riunioni o di stampa.

 

Ribatte Nightow:

 

Io lavoro da 20 anni come professionista e ormai ho una certa capacità analitica, che mi consente di capire quanto posso chiedere come proroga in base al tono di voce dell'editor. Entrambi guardiamo la “poker face” dell'altro per studiare i margini di manovra.

 

Il personaggio di Monev The Gale di Trigun è ispirato a Venon, nemico di Spider-Man. La McFarlane ne ha fatto anche una action figure. Per Blood Blockade Battlefront ha intenzione di ispirarsi a qualche altro personaggio Marvel? Di quale personaggio vorrebbe facesssero una action figure?

 

In BBB il gruppo stesso è stato ispirato da Avengers. C'èanche un personaggio che è metà essere marino, che è ispirato a Abe Sapiens di Hellboy, ma a volte penso che è davvero troppo simile e vorrei diversificarlo. Per quanto riguarda la action figure mi piacerebbe tutto il gruppo.

 

In Trigun lei immagina un futuro distopico, Se facesse un nuovo manga con una simile ambientazione sarebbe sempre un'ambientazione così violenta?

 

Voglio continuare Blood Blockade Battlefront fino alla mia morte. L'ho creato in un modo così aperto che posso inserirci tutto quello che mi viene in mente.

 

Vash è un eroe molto riconoscibile e atipico con quel suo cappottone rosso. A cosa si è ispirato per questo personaggio?

 

A me piacciono i western ma non sono un vero appassionato. Grazie a questo ho potuto essere abbastanza libero. Se un mangaka appassionato di auto dovesse creare un fumetto con delle auto, avrebbe problemi, perché la sua passione lo indurrebbe a porsi troppi problemi, ad esempio: questa auto avrebbe problemi su questo terreno piuttosto che un altro perhcè troppo pesante….

 

Il lavoro del mangaka è molto duro perché lavorano molto e hanno poco tempo libero. Dove sta andando questa professione ? Si lavorerà sempre tanto o si avrà più tempo libero da usare magari per viaggiare e cercare nuove ispirazioni?

 

Nightow:

Per fortuna non ho mai lavorato per una rivista settimanale. Ora i tempi di lavoro sono al limite massimo di velocità e quantità di tavole da produrre. Dovrebbero trovare un sistema diverso. I giovani che vogliono fare questo lavoro e vengono assunti su una rivista settimanale come ad esempio Shonen Jump di Shueisha pensano che quello è il posto dove potrebbero anche morire. Non c'è ancora il senso del gruppo di lavoro come si fa nei comics americani.

 

Editor:

 

Anche secondo me questo sistema tutto sommato va bene sia agli editor che ai mangaka, poiché piace la soddisfazione che si prova al termine di ogni consegna anche se il lavoro è stato duro.

 

L'anime di Trigun ha musiche molto belle. Cosa ascoltava lei mentre lo disegnava?

 

Non ascolto mai musica, ma un programma radiofonico, ovvero del parlato. Me lo sono anche scaricato per poterlo ascoltare sempre in sottofondo. A me piace il pop rock anni '80 così quando sono molto stanco ascolto quel tipo di musica, in modo da ritornare con la mente a quegli anni e ritrovare il vigore.

 

 

yasuhiro nightow lucca

 

 

yasuhiro nightow lucca

 
FacebookTwitter
Copyright © 2017 animangaplus.it. Tutti i diritti riservati.
Mandaci una mail a: info@animangaplus.it.

Animangaplus.itutilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information