Home Manga Recensioni Manga Buster Keel Vol. 1
Buster Keel Vol. 1 PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 7
ScarsoOttimo 
Scritto da Andrea "Ryo" Consonni   
Lunedì 13 Giugno 2011 07:42

Buster Keel Copertina Star Comics

Il milionesimo shonen manga uguale a centinaia già pubblicati. Basta per favore, sono quasi trent'anni che leggiamo le stesse cose...

 

Scheda Tecnica

Editore Star Comics

Numeri 6 in corso

Genere Fantasy, azione, commedia

Anno di Produzione 2009

Anno Edizione Italiana 2011

Prezzo € 4,20

1984: Dragon Ball
1989: Dragon Quest – Dai La Grande Avventura
1992: Dragon Quest – L'Emblema di Roto
1995: Slayers
1995: Pokemon
1997: One Piece
1998: Rave The Groove Adventure
1999: Naruto
2001: Bleach
2001: 666 Satan
2003: MAR
2006: Fairy Tail
2006: Gagoze
2007: Hero Tales
2008: Blazer Drive

2009: Buster Keel

 

Quelli nell'elenco sono solo alcuni degli shonen manga di ambientazione fantasy più famosi di sempre e pubblicati in Italia dai quali Buser Keel attinge a piene mani. Ambientazioni, situazioni, rapporti tra i personaggi, mutazioni, armi segrete, addirittura qualche nome. In tutti questi aspetti Buster Keel copia spudoratamente dai manga presenti nell'elenco. La storia è la solita scusa per consentire la formazione di un gruppo di avventurieri. In questo caso Keel, un ragazzo irruento, che in realtà è una bestia magica potentissima, del tipo Dragon Ape (una scimmia-drago), incontra Lavie, un'avventuriera che riesce ad incantare le bestie magiche grazie al suono della sua chitarra e che viaggia accompagnata da un maialino volante. Quando Keel scopre che grazie alla musica di Lavie riesce a riacquistare la sua forma originale almeno ad un braccio, decide di viaggiare insieme a lei alla ricerca del suo maestro Siva, il domatore di bestie magiche che l'ha trasformato in un essere umano. Durante il viaggio, Keel e Lavie incontreranno nuovi amici, come il mago guerriero blu.
È assurdo che a distanza di quasi trent'anni da Dragon Ball vengano ancora presentati in Italia manga scopiazzati a piene mani in questo modo, quando in Giappone le librerie e le fumetterie hanno scaffali pieni di tonnellate di manga mai pubblicati e di qualità decisamente superiore. Certo, esiste uno “zoccolo duro” di super-appassionati che continua ad acquistare questi manga, ma semplicemente perché non ha mai provato niente di diverso. Le case editrici, soprattutto quelle grandi come Star Comics e Panini puntano su opere del genere, che garantiscono un minimo di vendite assicurate, piuttosto di azzardarsi a pubblicare opere più mature, più originali e nuove. Il tutto senza contare che la maggior parte di questi lettori sono del tipo occasionale, ovvero i ragazzini che comprano qualche numero ogni tanto, mentre opere di genere diverso attirerebbero un pubblico diverso, anche di persone più adulte, che seguirebbero l'opera dall'inizio alla fine. Ma, del resto, un pubblico di questo tipo, più esigente e attento, non accetterebbe di spendere € 4,20 per un'edizione mediocre a basso costo, con rilegatura che va forzata per leggere le vignette centrali e priva di sovracopertina, quando con € 5,90 può acquistare edizioni migliori, con sovracopertina e rilegatura a libro come vengono proposte dalle case editrici più piccole, che puntano molto sulla qualità delle edizioni piuttosto che puntare su generi super-inflazionati.
In attesa di una ventata di novità, mi sento di sconsigliare l'acquisto di questo manga a chiunque non appartenga allo zoccolo duro di appassionati di “shonen-clone-manga”.

VOTI

 

Manga PESSIMO

 

Adattamento SUFFICIENTE

 

Edizione INSUFFICIENTE

 

 
FacebookTwitter
Copyright © 2017 animangaplus.it. Tutti i diritti riservati.
Mandaci una mail a: info@animangaplus.it.

Animangaplus.itutilizza i cookie per offrirti un migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare, accetti di utilizzare i cookie To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information